lunedì 10 ottobre 2011

Diabete e Colesterolo LDL

L'estate appena trascorsa, è stata una stagione ricca di pic-nic, di barbecue, parenti e amici che si sono avvicendati a organizzarvi seratine ricche di appetitose pietanze?
Vi siete mai chiesti, mentre l'estate trascorreva piena di ritmi semplici e conviviali, quale e quanti tranelli avrebbe potuto nascondere il vostro beneamato colesterolo?
Probabilmente presi come eravate a intrecciare relazioni pubbliche piacevoli e appaganti, dal punto di vista alimentare, sicuramente vi sarà scappato in quel lampo di appena qualche frazione di secondo, immaginare la faccia che avrebbe fatto il vostro diabetologo nel vedervi così impegnati come non mai?
Ma chi se ne frega, tanto lui non può vederci. Ma sarà poi così vero?
Poi una volta che si viene a controllo da noi, come una cartina tornasole le vostre beneamate analisi del sangue parlano per voi, già l'infermiere in primo acchito vi anticipa la paternale del diabetologo, che carte alla mano vi dipinge in lungo e in largo tutto quello che già sapete di aver fatto.... e il colesterolo?
La domanda nasce spontanea, in quanto non tutti, hanno nei propri risultati delle analisi del sangue la presenza di tutti i valori relativi ai grassi (Colesterolo totale, Colesterolo HDL, Colesterolo LDL e Trigliceridi).
Eh si, molte volte manca proprio lui, il più importante di tutti il colesterolo LDL, volgarmente detto il colesterolo cattivo.
Perché è importante la sua rilevazione? La presenza di Diabete di per sé è indice di rischio coronarico, se in più c'è anche un valore superiore di colesterolo LDL allora il rischio diventa molto elevato.
Ecco un esempio di cosa viene dettato dalle nuove linee guida.
In caso di sola patologia diabetica bisogna mantenere il valore del colesterolo LDL inferiore a 100 mg/dl altrimenti potrebbe prevedere la prescrizione di una statina di 1° livello (farmaco per ridurre i valori del colesterolo LDL);
se il Diabete è accompagnato da una qualsiasi patologia coronarica si è alla presenza di "rischio molto elevato" e quindi il valore del colesterolo LDL va mantenuto al di sotto i 70 mg/dl in questo caso deve essere prescritta una statina di 2° livello in associazione con ezetimibe (di 3° livello);
in presenza di Diabete insieme a Insufficienza Renale Cronica, il colesterolo LDL deve essere contenuto entro i limiti inferiori di 70 - 80 mg/dl ed il farmaco prescrivibile è atorvastatina.
Dopo questa umile sentenza ripensare a quelle fresche serate d'estate di fronte a una tavola conviviale e bandita di tutto punto forse vi potrà sembrare ora un triler di un nuovo film di Dario Argento... sicuramente è così, ma non era nel nostro intento eh eh eh eh!

Questo post è collegato alle nuove disposizioni previste dalla nota 13, i colleghi medici e chiunque è interessato può scaricarla dal sito del SID cliccando QUI

Nessun commento: